Come si diventa influencer?

Come si diventa influencer? Sintetizzando potremmo dire che devi seguire alcune regole:

  • appassionati e studia approfonditamente un argomento;
  • diventa esperto di quell’argomento;
  • frequenta gruppi tematici e crea relazioni con altri influencer del settore
  • apri un blog personale
  • crea e condividi contenuti di successo
  • partecipa ad eventi e meeting nella vita reale

Per diventare influencer devi innanzitutto essere esperto di un determinato argomento, avere comprovata esperienza in un settore o nicchia specifica del web ed avere un alto numero di utenti che ti seguono nei social media o sul tuo blog e che interagiscono con i contenuti che pubblichi.

Cosa significa “influencer”

Chi è l’Influencer? L’influencer è una persona in grado di influenzare scelte d’acquisto, politiche o decisionali di altre persone. L’influencer gode, nella vita reale o in quella virtuale, di autorevolezza ed è riconosciuta come esperta di un determinato argomento. La parola “influencer” si è diffusa in modo particolare negli ultimi anni nel web, in relazione a soggetti in grado di influenzare opinioni di una serie di altri utenti, al punto che oggi si parla anche di Influencer Marketing.

Nel nostro blog affrontiamo l’argomento “influencer” da molto tempo: recentemente abbiamo analizzato una ricerca sull‘efficacia dell’influencer organico (o spontaneo) rispetto a quello di professione (e pagato), e prima ancora abbiamo anche cercato di distinguere il vero influencer da quello falso.

Tuttavia finora non abbiamo mai cercato di affrontare l’argomento “diventare un influencer”. Io ho alcune teorie, ma questa volta ho deciso dare spazio e ascoltare il parere di un professionista che sull’argomento Influencer Marketing ci ha dedicato recentemente un libro, Matteo Pogliani.

Quanto vale un influencer: il valore del mercato

Il fenomeno dell’influencer marketing si diffonde sempre più tra le aziende.

In base a quanto riportato da State of Influencer Marketing 2018 di Linqia, l’81% dei professionisti ha dichiarato di aver lanciato delle campagne influencer nel 2017, dato che risulta essere in continua crescita rispetto agli anni passati.

A conferma di questa tendenza, il 92% degli intervistati sostiene che l’influencer marketing è un’attività efficace per il business di un’azienda e il 39% che prevede un aumento degli investimenti in questo canale per il 2018, mentre solo il 5% prevede di ridurli.

Mediamente i marketers investono molti soldi nell’influencer marketing. Il 30% degli intervistati ha speso tra i 25K e i 50K dollari solo nel 2017.

Il 24% ha speso tra i 50 e i 100K e il 22% tra i 10 e i 25K.

Il 90% di loro misura il successo dell’influencer sulla base della metrica dell’engagement, tuttavia il 76% di loro sostiene che la sfida principale per l’influencer marketing nel 2018 è quella di poter determinare con esattezza il ROI di questa attività.

Come abbiamo visto, il fenomeno è sempre più diffuso, in particolare, per i nuovi “comportamenti online” dei millenials, non più propensi a fruire della pubblicità tradizionale, ma che seguono e si appassionano alle “storie” dei Brand.

Ecco la ricerca completa The State of influencer 2018

Il costo di un influencer

Secondo un’indagine promossa da Launchmetrics.com, che ha intervistato 200 influencer, emerge che il 46% di essi lavorerebbe gratis se ricevesse in cambio una contropartita interessante, e il 44,6% farebbe lo stesso, anche senza nulla in cambio, per un brand che ama. Parliamo appunti dei micro-influencer, che possono rivelarsi utili per la strategia di quelle aziende che non possono permettersi grandi influencer o una celebrity.

Le possibilità di scelta, per le aziende, sono quindi davvero tante.

Ma quanto costa all’incirca un influencer?

Secondo una ricerca svolta da Captiv8, questo si può stimare sulla base del numero di follower e a seconda del canale online in cui promuove i suoi contenuti.

Un’infografica mostra le stime nel dettaglio.

costo influencer

Come possiamo notare, un video promozionare sul canale Youtube di un influencer con più di 7 milioni di followers, può costare intorno ai 300.000 dollari.

Esistono anche dei tool online come https://influencerfee.com/ grazie ai quali, inserendo un nome utente di Instagram, è possibile calcolare quanto potrebbe costare la promozione di un post e alcune metriche relative all’engagement

Sono tutti dati e strumenti, ovviamente, che vanno presi con le pinze perché cercano solo di effettuare delle stime.

Come diventare Influencer su Instagram

Non si diventa influencer su Instagram dall’oggi al domani, anche se è uno dei social più frequentati con 1 miliardo di utenti attivi al mese e il più utilizzato in assoluto proprio per l’influencer marketing.

Per diventarlo, la cosa più importante è senz’altro quella di trovare un elemento differenziante che consenta di creare una propria nicchia. Concentrarsi su uno specifico tema è meglio rispetto all’essere generico o una copia di altri già esistenti. Le possibilità sono infinite.

Dopo di che, bisogna avere una storia da raccontare. Il secondo obiettivo deve essere quello di dare uno stile narrativo al profilo Instagram. Lo storytelling è la chiave per il successo.

Successivamente affermarsi come influencer richiede un incremento dei propri followers che ad un certo punto potrebbe stagnarsi.

Per ottenere questo occorre pubblicare foto di qualità e didascalie che invoglino all’interazione, ma anche Stories e Video Live.
E’ inoltre importante anche interagire con la community con Like e commenti instaurando una presenza costante sul canale, ed eventualmente ricorrere anche all’advertising.

Tuttavia, prima di pensare ai numeri dei propri followers, occorre essere credibili e coerenti con l’immagine che il pubblico ha dell’influencer.

Il successo non sta nell’avere tanti followers, bensì nell’essere credibili nei loro confronti, e quindi capaci di “influenzare” le loro scelte di acquisto.

Share This: